Print this page

Potenza delle emozioni

Letto 2505 volte

Le emozioni sono il centro vitale del benessere dell’uomo, delle organizzazioni, delle relazioni interpersonali e quindi anche delle famiglie: che è  laddove abbiamo imparato il nostro personale e unico modo con cui viverle: accettarle o negarle, esprimerle o reprimerle.  Negli ultimi tempi sono finalmente entrate anche al centro della nostra società e dei nostri interessi culturali. Studi e modelli di intelligenza emotiva  hanno lodevolmente  portato nel mondo occidentale quello che da tempo è patrimonio della cultura orientale, sciogliendo  tanti pregiudizi al riguardo (quante volte abbiamo sentito frasi tipo “non farti fregare dalle emozioni”) e facendo parlare di emozioni in tutti i campi: dalla pubblicità alla finanza.

 Noi preferiamo parlare di “Potenzialità emotiva” perché sappiamo quanta energia è “sprigionabile” da uno stato emotivo. Per questo il nostro lavoro si concentra sulla ricerca del personale modo con cui ognuno possa esprime le proprie emozioni: consapevolmente e responsabilmente rispetto persone, ambienti e situazioni…ma esprimendole.  I continui studi delle neuroscienze ed in particolare della Pnei, ci confermano ogni giorno la correlazione tra espressione delle emozioni e benessere fisico; fino ad arrivare a prevenire malattie gravi che caratterizzano il nostro momento storico.  Le relazioni sono intrecci, o come dice la fisica quantistica entanglement di energia emotiva; per migliorarle una strada sostenibile è quella dell’espressione ecologica.

Abbiamo distinto  3 percorsi  in cui le emozioni fanno la differenza  per perseguire obiettivi che  vanno dalla performance lavorativa al benessere.

Emozionale e/o emotivo

 Emozionale e/o emotivo

 

Obiettivo:

Sviluppare la consapevolezza delle proprie emozioni per adeguare comportamenti e reazioni, anche in relazioni allo stato emotivo dell’Altro (cliente, collaboratore, capo…).

Descrizione Le emozioni sono più di 100 ma raramente arriviamo ad essere consapevoli di 10…a volte confondiamo l’emozione con la sensazione fisica con cui si palesa a noi o con il comportamento esteriore con cui la manifestiamo Spesso parliamo dell’emozione dell’aggressività, quando questa è il modo espressivo di diverse emozioni: rabbia, paura, e anche gioia. Allenarsi prima a distinguere la sensazione fisica, dall’istinto comportamentale che consegue, poi l’intervento dei pensieri sulle emozioni  dalla loro reale espressione è quello che questo percorso propone per prendere confidenza con il reticolo complesso che le emozioni ricamano  tra corpo-pensiero-linguaggio.

Nelle 3 giornate di lavoro i momenti di docenza frontale interattiva e le esperienze di contatto emotivo hanno l’obiettivo di orientare i partecipanti nel riconoscimento delle diverse emozioni, della loro funzione “esistenziale”, e nell’allargare creativamente il ventaglio delle modalità espressive.

Vantaggi:

  • Scoprire il ruolo delle emozioni come funzioni vitali esistenziali
  • Intendere il corpo come network emozionale.
  • Fare allenamento emozionale 
  • Riconoscere il falso controllo delle emozioni: irrigidimento e repressione.
  • Passare dal controllo, all’espressione delle emozioni
  • Predisporsi ad un modo ecologico di manifestazione delle emozioni e dei sentimenti
  • Intercettare ed espandere il momento tra innesco emotivo e risposta espressiva/comunicativa

 

 La potenzialità emotiva per la soluzione dei conflitti

La potenzialità emotiva per la soluzione dei conflitti

 

Obiettivo:

Sviluppare la consapevolezza delle proprie emozioni per adeguare comportamenti e reazioni, anche in relazioni allo stato emotivo dell’Altro (cliente, collaboratore, capo…). L’intervento apre il campo ad una gestione dei conflitti consapevole ed efficace.

Descrizione

Il potenziale emotivo inespresso o non percepito è spesso causa di conflitti. Succede di trovarsi in un conflitto senza  essersi accorti del suo esordio e della sua evoluzione, avendo così a che fare con le emozioni (nostre ed altrui) più forti e più difficili da esprimere. L’attività prevede un’alternanza di lavori guidati per l’esplorazione degli stati emotivi,: che si provano, che si evitano, che si riconoscono, che non si comprendono in sé e nell’Altro ecc… I lavori sono di tipo “cognitivo” quali  l’analisi  delle emozioni più conosciute ed espresse; cui seguono lavori a coppie di narrazione circa le aree di miglioramento nell’efficacia relazione quando la componente emozionale è molto densa. L’attività permette di individuare le azioni che creano un irrigidimento dei conflitti, e di trasformarle in opportunità relazionali. Il percorso è di 3 giorni.

Vantaggi:

  • Scoprire il ruolo delle emozioni nelle relazioni.
  • Riconoscere i primi segnali di conflitto e aprire tempestivamente il dialogo negoziale
  • Sostituire il giudizio su l comportamento dell’altro con l’espressione  responsabile della propria emozione al comportamento dell’altro
  • Aprire alla comprensione dell’emotività altrui
  • Passare dall’empatia all’entanglement
  • Allenare ad esprimere ecologicamente la propria emotività

  

Empowerment

Empowerment 

empowermentObiettivo:

Potenziare le personali risorse nella gestione della relazione con gli altri, e di autorappresentazione di sé e delle proprie capacità.

Descrizione

Il percorso prevede 3 giornate in cui esplorare il sistema di convinzioni emotive e pensieri limitanti emotivi che inibiscono l’espressione piena di sé e del proprio potenziale.

Individuare questo nocciolo e l’intrigo complesso che crea tra idee di sé, possibilità di risultati futuri, disponibilità a ingaggiarsi per migliorare le proprie capacità e darsi obiettivi più sfidanti, ha come fine ultimo il rinforzare l’autostima e la padronanza personale.   

Il lavoro prosegue alternando docenze frontali interattive  ad attivazioni in sottogruppi o plenaria, su casi strutturati portati dal docente o autocasi segnalati dai partecipanti. Gli autocasi potranno anche essere occasione di interventi di coaching situazioni.

Vantaggi

  • Potenziare la propria autostima
  • Sviluppare maggiore assertività
  • Accrescere gli stili attributivi quali Locus of Control e Fronteggiamento per darsi obiettivi più sfidanti e rappresentativi della propria motivazione
  • Migliorare la propria capacità di SelFMarketing
  • Conoscere e aumentare la propria resilienza
  • Acquisire capacità comunicative e relazionali di persuasione anche orientata a rapporti complessi, gerarchici e commerciali

  

 

001.jpg conflitti.jpg sfida.jpg